Bookmark and Share

Marriage one and indissoluble in first chapters of Genesi

Catechesis by Pope John Paul II on the Theology of the Body - 10
General Audience, Wednesday 21 November 1979 - in French, Italian, Portuguese & Spanish

"1. Let us recall that Christ, when questioned about the unity and indissolubility of marriage, referred to what was "in the beginning." He quoted the words written in the first chapters of Genesis. In the course of these reflections, we are trying to penetrate the specific meaning of these words and these chapters.

The meaning of the original unity of man, whom God created "male and female," is obtained (especially in the light of Genesis 2:23) by knowing man in the entire endowment of his being, that is, in all the riches of that mystery of creation, on which theological anthropology is based. This knowledge, that is, the study of the human identity of the one who, at the beginning, is "alone," must always pass through duality, "communion."

Let us recall the passage of Genesis 2:23: "Then the man said, 'This at last is bone of my bones and flesh of my flesh; she shall be called woman, because she was taken out of man.'" In the light of this text, we understand that knowledge of man passes through masculinity and femininity. These are, as it were, two "incarnations" of the same metaphysical solitude before God and the world—two ways, as it were, of "being a body" and at the same time a man, which complete each other—two complementary dimensions, as it were, of self-consciousness and self-determination and, at the same time, two complementary ways of being conscious of the meaning of the body. As Genesis 2:23 already shows, femininity finds itself, in a sense, in the presence of masculinity, while masculinity is confirmed through femininity. Precisely the function of sex, which is in a sense, "a constituent part of the person" (not just "an attribute of the person"), proves how deeply man, with all his spiritual solitude, with the never to be repeated uniqueness of his person, is constituted by the body as "he" or "she." The presence of the feminine element, alongside the male element and together with it, signifies an enrichment for man in the whole perspective of his history, including the history of salvation. All this teaching on unity has already been expressed originally in Genesis 2:23.

2. The unity of which Genesis 2:24 speaks ("they become one flesh") is undoubtedly expressed and realized in the conjugal act. The biblical formulation, extremely concise and simple, indicates sex, femininity and masculinity, as that characteristic of man—male and female—which permits them, when they become "one flesh," to submit their whole humanity to the blessing of fertility. However, the whole context of the lapidary formulation does not permit us to stop at the surface of human sexuality. It does not allow us to deal with the body and sex outside the full dimension of man and of the "communion of persons." Right from the beginning it obliges us to see the fullness and depth which are characteristic of this unity, which man and woman must constitute in the light of the revelation of the body.

The perspective expression which says, "a man cleaves to his wife" so intimately that "they become one flesh," always induces us to refer to what the biblical text expresses previously with regard to the union in humanity, which binds the woman and the man in the very mystery of creation. The words of Genesis 2:23, just analyzed, explain this concept in a particular way. Uniting with each other (in the conjugal act) so closely as to become "one flesh," man and woman, rediscover, so to speak, every time and in a special way, the mystery of creation. They return in this way to that union in humanity ("bone of my bones and flesh of my flesh") which allows them to recognize each other and, like the first time, to call each other by name. This means reliving, in a sense, the original virginal value of man, which emerges from the mystery of his solitude before God and in the midst of the world. The fact that they become one flesh is a powerful bond established by the Creator. Through it they discover their own humanity, both in its original unity, and in the duality of a mysterious mutual attraction. However, sex is something more than the mysterious power of human corporality, which acts almost by virtue of instinct. At the level of man and in the mutual relationship of persons, sex expresses an ever new surpassing of the limit of man's solitude that is inherent in the constitution of his body, and determines its original meaning. This surpassing always contains within it a certain assumption of the solitude of the body of the second "self" as one's own.

3. Therefore, it is bound up with choice. The formulation of Genesis 2:24 indicates that human beings, created as man and woman, were created for unity. It also indicates that precisely this unity, through which they become one flesh, has right from the beginning a character of union derived from a choice. We read: "A man leaves his father and mother and cleaves to his wife." If the man belongs "by nature" to his father and mother, by virtue of procreation, on the other hand, he cleaves by choice to his wife (or she to her husband). The text of Genesis 2:24 defines this character of the conjugal bond with reference to the first man and the first woman. At the same time, it does so in the perspective of the whole earthly future of man. Therefore, in his time, Christ will appeal to that text, as equally relevant in his age. Formed in the image of God, also inasmuch as they form a true communion of persons, the first man and the first woman must constitute the beginning and the model of that communion for all men and women, who, in any period, are united so intimately as to be one flesh. The body, which through its own masculinity or femininity right from the beginning helps both to find themselves in communion of persons, becomes, in a particular way, the constituent element of their union, when they become husband and wife. This takes place, however, through a mutual choice. This choice establishes the conjugal pact between persons,(1) who become one flesh only on this basis.

4. That corresponds to the structure of man's solitude, and in actual fact to the "twofold solitude." As the expression of self-determination, choice rests on the foundation of his self-consciousness. Only on the basis of the structure peculiar to man is he "a body" and, through the body, also male and female. When they both unite so closely as to become one flesh, their conjugal union presupposes a mature consciousness of the body. In fact, it bears within it a particular consciousness of the meaning of that body in the mutual self-giving of the persons. In this sense too, Genesis 2:24 is a perspective text. It proves that in every conjugal union of man and woman, the same original consciousness of the unifying significance of the body in its masculinity and femininity is discovered again. At the same time, the biblical text indicates that each of these unions renews, in a way, the mystery of creation in all its original depth and vital power. "Taken out of man" as "flesh of his flesh," woman subsequently becomes, as wife and through her motherhood, mother of the living (cf. Gn 3:20), since her motherhood also has its origin in him. Procreation is rooted in creation, and every time, in a sense, reproduces its mystery.

5. A special reflection on "knowledge and procreation" will be devoted to this subject. In it, it will be necessary to refer further to other elements of the biblical text. The analysis made hitherto of the meaning of the original unity proves in what way that unity of man and woman, inherent in the mystery of creation, is "from the beginning" also given as a commitment in the perspective of all following times."




Greetings:

Ad un gruppo della diocesi di Treviso

Sono particolarmente grato a Monsignor Antonio Mistrorigo, Vescovo di Treviso, e alle Autorità cittadine che hanno accompagnato il numeroso pellegrinaggio della diocesi trevigiana per porgermi il loro rinnovato ringraziamento per la mia visita del 26 agosto scorso. Nel manifestarvi la mia cordiale soddisfazione per questo incontro, che mi richiama alla mente le tante spirituali emozioni di quella tarda serata, desidero ripetervi che il Papa è sempre in mezzo a voi, vi sostiene con la sua preghiera, vi incoraggia nel cammino regale della carità e della solidarietà fraterna, vi addita le altezze del sacrificio cristiano che s’illumina della luce della grazia, infinitamente di più delle bellissime montagne che ho visto in quel giorno indimenticabile.

Esprimo poi un paterno augurio alla Comunità parrocchiale della Città di San Donà di Piave, che celebra il quinto centenario della sua erezione canonica. A voi e a tutti i partecipanti al pellegrinaggio la mia Benedizione Apostolica, estensibile alle rispettive famiglie.

Ai Rettori dei Santuari Mariani d’Italia

Partecipa a questa udienza il folto gruppo dei Rettori di molti Santuari italiani, riuniti in Roma per il loro quindicesimo convegno, organizzato dal Collegamento mariano, sul tema: "l Santuari per una pastorale di speranza dell’uomo che soffre". La vostra presenza, carissimi Sacerdoti, mi offre motivo di sincera soddisfazione: non solo perché mi ricordate i bei Santuari, che ho finora visitato; ma soprattutto perché voi, insieme con i vostri collaboratori, nell’assiduo ascolto e nella meditazione della Parola di Dio nella sua Casa, traete continua forza e coraggio per rispondere alle tante attese dei pellegrini, che accorrono ai Santuari per momenti di riflessione e di preghiera. Vi accompagna nel vostro santificante ministero la mia paterna Benedizione.

Ai piccoli del Coro dell’Antoniano

Un cordiale e paterno saluto desidero rivolgere al "Piccolo Coro" dell’Antoniano di Bologna, che in questi giorni ha voluto celebrare il ventennale della proclamazione dei diritti del fanciullo. Carissimi ragazzi! Vi esprimo il mio plauso e il mio incoraggiamento per il messaggio di bontà, di solidarietà e di pace, che diffondete con i vostri canti, non soltanto tra i vostri coetanei, ma anche tra gli adulti. Conservate sempre intatta nel vostro cuore questa carica di entusiasmo, che vi viene dalla sincera e profonda amicizia con Gesù. A voi tutti e ai vostri cari la mia Benedizione Apostolica.

Ai giovani

Saluto e benedico i giovani e le giovani, i ragazzi e le ragazze presenti a questo incontro. Vorrei raccomandare ad essi di essere sempre grati a Dio per la loro grande fortuna, che non è solo quella della giovinezza, ma soprattutto quella di essere cristiani, figli di Dio; e questa fortuna è eterna, condizione di eterna giovinezza: siatene felici, cari giovani. Il Papa prega per voi, perché non venga mai meno nella vostra vita, in qualsiasi vicenda, questa luce dell’anima, e perché sia sempre viva in voi questa interiore sensibilità e letizia.

Agli ammalati

Un pensiero particolarmente affettuoso e rispettoso rivolgo agli ammalati. Come potrei non provare affetto, sincero, paterno, per chi, in qualsiasi famiglia o istituto, forse in solitudine, è provato da penose afflizioni fisiche e spirituali? Ma il mio saluto a voi, cari ammalati, oltre che affettuoso, è anche rispettoso, perché voi siete tra noi una speciale presenza del Signore; voi possedete una particolare somiglianza con il cristo redentore; voi avete una singolare missione di salvezza e di santificazione, per voi stessi e per gli altri. Il Signore vi conforti con la ricchezza della sua grazia; vi liberi, se è sua volontà, dalle vostre tribolazioni; vi dia serenità e coraggio, e tanta fede e tanta speranza. A voi, cordialissima, la mia Benedizione.

Agli sposi

E ora il mio saluto agli sposi novelli, le mie felicitazioni e i miei voti per la loro nuova vita e per la loro presente e futura famiglia. Voi, cari sposi, avete voluto Gesù nel Sacramento del Matrimonio; siete venuti dal Papa, Vicario di Gesù, per ricevere da lui la Benedizione del Signore; se avete iniziato così bene, da veri cristiani, la vostra convivenza, io non posso augurarvi nulla di meglio di questo: state sempre con Gesù, nella fede e nella vita di ogni giorno; abbiatelo sempre in mezzo a voi, Gesù, anche con la vostra comune preghiera: così vi sarà non difficile camminare insieme nell’amore, nella fedeltà, nel mutuo accordo, nella reciproca comprensione e pazienza, nella pace; e i vostri figli riceveranno da voi la migliore educazione, il miglior buon esempio, il più caro e salutare ricordo. Sempre, dunque, con Gesù, e Gesù sia sempre con voi. Con voi, pure, la mia Benedizione.

A un gruppo di albergatori

AUX HÔTELIERS qui sont en Congrès International à Rome, et qui ont tenu à me rendre visite, j’adresse mes salutations et mes remerciements.

Permettez-moi aussi de vous exprimer mes vœux sincères. Que vos Relais et Hôtels – vous le souhaitez d’ailleurs vous-mêmes – favorisent, dans des conditions d’hospitalité saine et agréable, l’accueil, le respect, la discrétion, et même un style de fraternité entre ceux qui y séjournent! Que vos Maisons soient davantage encore des communautés de travail où Direction et Personnel s’efforcent de vivre leurs tâches exigeantes dans un esprit de compréhension et de concertation! Enfin, que tous ceux qui assurent le bon fonctionnement de vos Relais hôteliers ou qui viennent y chercher le repos et l’agrément se gardent d’oublier les souffrances des moins favorisés et les appels de leurs frères en détresse! C’est dans ces sentiments que j’appelle sur vous l’aide de Dieu.

Traduzione italiana:

Agli albergatori riuniti in un Congresso Internazionale a Roma e che hanno desiderato rendermi visita, rivolgo il mio saluto e il mio ringraziamento. Permettetemi anche di esprimervi i miei auguri sinceri. Vi auguro che le vostre Pensioni e i vostri Alberghi – del resto ve lo augurate voi stessi – favoriscano, in condizioni di sana e gradevole ospitalità, l’accoglienza, il rispetto, la discrezione, ed anche uno stile di fraternità tra chi vi soggiorna. Le vostre Case siano prima di tutto delle comunità di lavoro dove Direzione e Personale si sforzano di vivere i loro esigenti compiti in uno spirito di comprensione e di collaborazione! Infine, tutti coloro che assicurano il buon funzionamento delle vostre strutture alberghiere o che vengono a cercarvi il riposo e il piacere, si guardino dal dimenticare le sofferenze dei meno favoriti e i richiami dei loro fratelli nel bisogno! Con questi sentimenti invoco su di voi l’aiuto di Dio.

 * * *

Ai membri della Confederazione internazionale dei Quadri

JE SALUE SPÉCIALEMENT les membres de la Confédération internationale des Cadres qui vont tenir leur Congrès à Rome sur le thème " Les dirigeants européens d’entreprise dans la société des années 80 ". Dans le contexte économique actuel, souvent précaire, les difficultés ne manquent pas pour équilibrer ou maintenir la production, pour régulariser les échanges, et donc pour assurer la viabilité et la promotion de vos entreprises. Et tout cela entraîne des conséquences graves dans l’emploi, dans la vie des personnes, dont il vous faut aussi mesurer les risques et peser mûrement les solutions avec les autres forces sociales. D’autres pays, industriellement moins développés, se débattent aussi avec de graves problèmes. C’est votre honneur de faire face au mieux à vos propres responsabilités et, pour cela, de vous éclairer mutuellement au cours de votre Congrès. Je prie Dieu de vous assister dans ce qui constitue un service indispensable, exigeant et délicat, de la société actuelle.

Traduzione italiana:

Saluto in modo particolare i membri della Confederazione internazionale dei Quadri che terranno a Roma il loro Congresso sul tema "I dirigenti d’azienda europei nella società degli anni 80". Nell’attuale contesto economico, spesso precario, non mancano le difficoltà di equilibrare o mantenere la produzione, di regolarizzare gli scambi, e dunque di assicurare la vitalità e la promozione delle vostre aziende. Tutto ciò comporta gravi conseguenze nell’occupazione, nella vita delle persone, per cui bisogna che misuriate i rischi e pesiate bene le soluzioni con le altre forze sociali. Anche altri Paesi, meno sviluppati a livello industriale, si dibattono in gravi problemi. È vostro onore affrontare al meglio le vostre responsabilità e, per questo, illuminarvi a vicenda durante il vostro Congresso. Prego Dio di assistervi in quello che è un servizio indispensabile, esigente e delicato, della società attuale. 

Ad un gruppo di Religiosi e Religiose partecipanti ad un corso di aggiornamento

I WISH TO EXTEND a particular greeting to the priests and brothers participating in a renewal course at Nemi. There is an intimate relationship between the word of God and all theology, between the word of God and all missionary work. My special prayer for you today is that the Holy Spirit will give you an ever deeper love of God’s word, and an ever greater openness to all its applications in your own lives. And from Nemi may you go out with renewed fervour to proclaim the Gospel of salvation. My dear brothers: let us always remember that the word of God is a lamp to our feet and a light to our path. It gives meaning to our ministry and joy to our lives.

Traduzione italiana:

Desidero rivolgere un saluto particolare ai sacerdoti e ai fratelli che partecipano a un corso di aggiornamento a Nemi. C’è un’intima relazione tra la parola di Dio e ogni teologia, tra la parola di Dio e ogni lavoro missionario. La mia preghiera particolare per voi oggi è che lo Spirito Santo vi doni un sempre più profondo amore della parola di Dio e una sempre più grande apertura a tutte le sue applicazioni nella vostra vita. E da Nemi possiate partire con rinnovato fervore per proclamare il Vangelo della salvezza. Miei cari fratelli, ricordiamoci sempre che la parola di Dio è lampada per i nostri passi e luce sul nostro cammino (cf. Sal 119,105). Dà significato al nostro ministero e gioia alla nostra vita.

Ai membri di un’Associazione di giornalisti della Germania Federale

AUFRICHTIG GRÜßE ich die Teilnehmer der von der Gesellschaft Katholischer Publizisten veranstalteten Romwoche für katholische Journalisten aus der Bundesrepublik Deutschland sowie die verantwortlichen Leiter der Katholischen Nachrichtenagenturen Mitteleuropas, die im römischen "Centrum Informationis Catholicum" zusammenarbeiten. Es war Ihr Wunsch, sich durch diese Begegnung im Mittelpunkt der Weltkirche über das gegenwärtige kirchliche Leben zu unterrichten. Es ist meine Hoffnung, daß sich in den sicher zahlreichen Kontakten und neuen Erfahrungen nicht nur Ihre Kenntnis über die Kirke erweitert und vertieft hat, sondern zugleich auch Ihr eigenes Selbstverständnis als katholische Journalisten innerhalb der Kirche und in der Gesellschaft unserer Zeit. Auf Grund der großartigen technischen Errungenschaften auf dem Gebiet der sozialen Kommunikation, die zum großen Nutzen oder Schaden der Menschheit eingesetzt werden können, sind Sie heute – aus christlicher Verantwortung – um so eindringlicher aufgerufen, diese ausschließlich in den Dienst der Wahrheit und der Förderung und Verteidigung des Menschen und seiner einzigartigen Würde zu stellen. Ich begleite Ihre nicht immer leichte, aber für die Kirche und die Gesellschaft fast lebenswichtige Arbeit mit Sympathie und größtem Interesse und erbitte mit meinem besonderen Apostolischen Segen Gottes erleuchtenden und stärkenden Beistand.

Traduzione italiana:

Saluto i partecipanti alla settimana per giornalisti cattolici a Roma organizzata dalla società di pubblicisti cattolici della Repubblica Federale Tedesca, così come i responsabili dell’agenzia di informazione cattolica, che insieme lavorano nel "Centrum Informationis Catholicum" romano. Era vostro desiderio, attraverso questo incontro nel centro della Chiesa mondiale, informare riguardo l’odierna vita ecclesiastica. È mia speranza che, attraverso gli innumerevoli contatti e le nuove esperienze voi ampliate non solo le vostre conoscenze sulla Chiesa, ma approfondiate anche la comprensione del vostro ruolo, quali giornalisti cattolici, nella Chiesa e nella società del nostro tempo. Le numerose conquiste tecniche nel campo della comunicazione possono essere usate a beneficio o a danno degli uomini; oggi, voi siete – come cristiani responsabili – chiamati ancora di più ad usare questo particolare servizio per la verità e per incoraggiare e proteggere l’uomo e i suoi inestimabili valori. Accompagno il vostro lavoro non sempre facile ma quasi di importanza vitale per la Chiesa e la società, con simpatia e grande interesse e chiedo per voi, con la mia Benedizione Apostolica, il forte ed illuminante aiuto e sostegno di Dio.

Ai Carabinieri

Un sincero ed affettuoso saluto desidero adesso rivolgere ai componenti della "Banda dell’Arma dei Carabinieri", che ha ora dato un’ulteriore conferma di quella bravura musicale, che l’ha resa celebre in tutto il mondo. Carissimi Carabinieri! Membri di quell’Arma, che giustamente il diletto Popolo italiano ha chiamato e continua a chiamare "La Benemerita"! Siate sempre degni della gloriosa divisa che indossate; siate sempre coerenti testimoni delle virtù tipiche del vostro Corpo: la fedeltà assoluta alla Patria; la cura tempestiva della giustizia; il rispetto premuroso per i cittadini; l’attenta solidarietà per i deboli.

Gli italiani e con essi anche il Papa vi amano, vi stimano, vi apprezzano perché sanno di trovare in voi non soltanto i tutori dell’ordine pubblico, ma i fratelli, forti e generosi, sempre pronti e solleciti a donarsi senza riserva per il bene della comunità. E in questo momento non possiamo non rivolgere il nostro commosso pensiero e non elevare la nostra accorata preghiera di suffragio per tutti quei Carabinieri che hanno perduto la vita nell’adempimento del loro dovere: e in particolare quei numerosi commilitoni padri di famiglia o giovani nel fiore degli anni che in quest’anno sono stati trucidati. Proprio stamane, a Genova, due Carabinieri sono stati barbaramente assassinati: per il riposo eterno delle loro anime e per il conforto cristiano dei loro congiunti noi eleviamo la nostra supplica a Dio, vindice supremo della giustizia. L’orrore per questo disumano ed efferato crimine, che ancora una volta colpisce ed insanguina la vostra Arma, deve unire sempre più i buoni in una decisa volontà contro la violenza. E non possiamo dimenticare i 2100 vostri colleghi che sono rimasti feriti sempre durante il loro duro lavoro.

Su voi, su tutti i Carabinieri d’Italia, sull’Ordinario Militare, Monsignor Mario Schierano, sul vostro Comandante, il Generale Pietro Corsini, su tutti gli Alti Ufficiali presenti, sui vostri cari invoco, per l’intercessione della Madonna "Virgo Fidelis", vostra celeste protettrice, l’abbondanza dei favori divini, e vi imparto di cuore la Benedizione Apostolica, segno della mia costante benevolenza.