Bookmark and Share

The second account of Creation: the subjective definition of man

Catechesis by Pope John Paul II on the Theology of the Body - 3
General Audience, Wednesday 19 September 1979 - in French, Italian, Portuguese & Spanish

"1. With reference to Christ's words on the subject of marriage, in which he appealed to the "beginning," we directed our attention last week to the first account of man's creation in the first chapter of Genesis. Today we shall pass to the second account, which is frequently described as the "Yahwist," since it uses the name "Yahweh" for God.

The second account of man's creation (linked to the presentation both of original innocence and happiness and of the first fall) has by its nature a different character. While not wishing to anticipate the particulars of this narrative—because it will be better for us to recall them in later analyses—we should note that the entire text, in formulating the truth about man, amazes us with its typical profundity, different from that of the first chapter of Genesis. It can be said that it is a profundity that is of a nature particularly subjective, and therefore, in a certain sense, psychological. The second chapter of Genesis constitutes, in a certain manner, the most ancient description and record of man's self-knowledge. Together with the third chapter it is the first testimony of human conscience. A reflection in depth on this text—through the whole archaic form of the narrative, which manifests its primitive mythical character(1)—provides us in nucleo with nearly all the elements of the analysis of man, to which modern, and especially contemporary philosophical anthropology is sensitive. It could be said that Genesis 2 presents the creation of man especially in its subjective aspect. Comparing both accounts, we conclude that this subjectivity corresponds to the objective reality of man created "in the image of God." This fact also is—in another way—important for the theology of the body, as we shall see in subsequent analyses.

2. It is significant that in his reply to the Pharisees, in which he appealed to the "beginning," Christ indicated first of all the creation of man by referring to Genesis 1:27: "The Creator from the beginning created them male and female." Only afterward did he quote the text of Genesis 2:24. The words which directly describe the unity and indissolubility of marriage are found in the immediate context of the second account of creation. Its characteristic feature is the separate creation of woman (cf. Gn 2:18-23), while the account of the creation of the first man is found in Genesis 2:5-7. The Bible calls the first human being "man" ('adam), but from the moment of the creation of the first woman, it begins to call him "man" (ish), in relation to ishshah ("woman," because she was taken from the man—ish).(2) It is also significant that in referring to Genesis 2:24, Christ not only linked the "beginning" with the mystery of creation, but also led us, one might say, to the limit of man's primitive innocence and of original sin.

Genesis places the second description of man's creation precisely in this context. There we read first of all: "And the rib which the Lord God had taken from the man he made into a woman and brought her to the man; then the man said: 'This at last is bone of my bones and flesh of my flesh; she shall be called woman, because she was taken out of man'" (Gn 2:22-23).

"Therefore a man leaves his father and his mother and cleaves to his wife, and they become one flesh" (Gn 2:24).

"And the man and his wife were both naked, and they were not ashamed" (Gn 2:25).

3. Immediately after these verses, chapter 3 begins with its account of the first fall of the man and the woman, linked with the mysterious tree already called the "tree of the knowledge of good and evil" (Gn 2:17). Thus an entirely new situation emerges, essentially different from the preceding. The tree of knowledge of good and evil is the line of demarcation between the two original situations which Genesis speaks of. The first situation was that of original innocence, in which man (male and female) was, as it were, outside the sphere of the knowledge of good and evil, until the moment when he transgressed the Creator's prohibition and ate the fruit of the tree of knowledge. The second situation, however, was that in which man, after having disobeyed the Creator's command at the prompting of the evil spirit, symbolized by the serpent, found himself, in a certain way, within the sphere of the knowledge of good and evil. This second situation determined the state of human sinfulness, in contrast to the state of primitive innocence.

Even though the "Yahwist" text is very concise, it suffices with clarity to differentiate and to set against each other those two original situations. We speak here of situations, having before our eyes the account which is a description of events. Nonetheless, by means of this description and all its particulars, the essential difference emerges between the state of man's sinfulness and that of his original innocence. Systematic theology will discern in these two antithetical situations two different states of human nature: the state of integral nature and the state of fallen nature. All this emerges from that "Yahwist" text of Genesis 2-3, which contains in itself the most ancient word of revelation. Evidently it has a fundamental significance for the theology of man and for the theology of the body.

4. When Christ, referring to the "beginning," directed his questioners to the words written in Genesis 2:24, he ordered them, in a certain sense, to go beyond the boundary which, in the Yahwist text of Genesis, runs between the first and second situation of man. He did not approve what Moses had permitted "for their hardness of heart." He appealed to the words of the first divine regulation, which in this text is expressly linked to man's state of original innocence. This means that this regulation has not lost its force, even though man has lost his primitive innocence. Christ's reply is decisive and unequivocal. Therefore, we must draw from it the normative conclusions which have an essential significance not only for ethics, but especially for the theology of man and for the theology of the body. As a particular element of theological anthropology, it is constituted on the basis of the Word of God which is revealed. During the next meeting we shall seek to draw these conclusions."


Greetings:

Ad un gruppo di fedeli ucraini

Sia lodato Gesù Cristo. A voi che siete venuti a Roma per venerare le tombe degli Apostoli in occasione del 40° anniversario di episcopato del a voi e a noi caro e venerabile Cardinale Giuseppe Slipyj, e che vedete in questa Sede Apostolica un segno della vostra unione con il Vicario di Cristo, uno speciale saluto. Il nostro paterno saluto è anche indirizzato alle vostre famiglie, ai vostri Vescovi, Sacerdoti, Religiosi e Religiose come anche agli Ucraini tutti, in Patria e nella diaspora. Che Iddio con l’intercessione della Vergine Madre di Dio vi assista nella vostra vita cristiana. Sia lodato Gesù Cristo.

A un pellegrinaggio proveniente dal Kenya

I NOW HAVE a special greeting for the pilgrimage organized by the Bishops of Kenya. You have visited the land that has been made holy by the earthly lives of our Lord Jesus Christ, of his Mother, and of many other saints of the Old Covenant and the New. You have continued your pilgrimage by coming to Rome. Saint Luke considered the arrival of Saint Paul in this city as a fitting point at which to conclude the history of the progress of the Church after the Ascension of Jesus. The city was to be hallowed further by the martyrdom not only of Saint Paul but also of Saint Peter, the first of the apostles, the rock on which Christ built his Church.

 My prayer for you is that through your pilgrimage God will grant you many graces in mind and heart, graces that will enable you to be holy yourselves and to bring holiness to all your people. I give my blessing to you, to your families and dear ones, and to the whole of your country.

Traduzione italiana del saluto in lingua inglese:

Ed ora rivolgo un particolare saluto al pellegrinaggio organizzato dai Vescovi del Kenya. Voi avete visitato la terra che è stata santificata dalla vita terrena di nostro Signore Gesù Cristo, di sua Madre, e di molti altri santi del Vecchio e del Nuovo Testamento. Avete proseguito il vostro pellegrinaggio venendo il Roma. San Luca considerava l’arrivo di San Paolo in questa città il momento opportuno per concludere la storia della crescita della Chiesa dopo l’Ascensione di Gesù. La città fu santificata ulteriormente non solo dal martirio di San Paolo, ma anche da quello di San Pietro, il primo degli Apostoli, la roccia su cui Cristo costruì la sua Chiesa. La mia preghiera per voi è che attraverso questo pellegrinaggio Dio vi doni molte grazie di mente e di cuore, grazie che vi permettano di santificarvi e di portare santità a tutto il vostro popolo. Imparto la mia benedizione a voi, alle vostre famiglie e ai vostri cari, e a tutto il vostro paese.

Ai membri della Società di San Giovanni

JE SUIS HEUREUX de saluer les membres de la Société de Saint-Jean, fondée voici cent quarante ans par le célèbre Père Lacordaire pour le développement de l’art chrétien. Je vous encourage, chers amis, non seulement à fortifier le lien fraternel et spirituel qui vous unit, mais à apporter votre contribution pour promouvoir l’art sacré, celui d’hier et celui d’aujourd’hui, le faire apprécier, le mettre en honneur, car l’art sacré demeure une voie très importante pour suggérer le mystère chrétien et conduire les âmes au dialogue avec Dieu.Je vous bénis de tout cœur.

Traduzione italiana del saluto in lingua francese:

Sono felice di salutare i membri della Società di San Giovanni, fondata quasi centoquaranta anni fa dal celebre Padre Lacordaire per lo sviluppo dell’arte cristiana. Vi incoraggio, cari amici, non solo a rinsaldare il legame fraterno e spirituale che vi unisce, ma anche a portare il vostro contributo per promuovere l’arte sacra, quella antica e quella contemporanea, per farla apprezzare, onorare, poiché l’arte sacra resta una voce molto importante per suggerire il mistero cristiano e condurre le anime al dialogo con Dio. Vi benedico di gran cuore.

Ai partecipanti al Convegno Internazionale sull’Automazione

   JE SALUE AUSSI les participants de la neuvième Conférence internationale sur l’Automation, réunie pour étudier les problèmes inhérents à la modernisation de l’organisation bancaire. Que Dieu vous aide à réaliser ces efforts comme un service de la société et qu’il bénisse vos familles!

Traduzione italiana del saluto in lingua francese:

Saluto anche i partecipanti al nono Convegno Internazionale sull’Automazione, riunito per studiare i problemi inerenti alla modernizzazione e all’organizzazione bancaria, Dio vi aiuti a realizzare i vostri sforzi come servizio alla società e benedica le vostre famiglie!

A un gruppo di pellegrini tedeschi

EINEN BESONDEREN Willkommensgruß richte ich an die anwesenden ”Missionare von der Heiligen Familie“, die an einem Kurs für spirituelle Weiterbildung teilnehmen, und and die ”Alumnen der Priesterseminare“ Sankt Georgen in Frankfurt am Main und in Würzburg. Möge dieses eindrucksvolle Erlebnis von ”Kirche aus vielen Völkern“ hier beim Grab und der Kathedra des hl. Petrus euch eures Glaubens und eurer Berufung froh machen und eure Liebe zu Christus und seiner Kirche vertiefen. Auf daß Christus euch in der Gnade eurer priesterlichen Brufung bestärke, erhalte und vervollkomme, begleite ich euch stets mit meinem Apostolischen Segen.

Traduzione italiana del saluto in lingua tedesca:

Rivolgo un saluto particolare di benvenuto ai “missionari della Sacra famiglia”, che partecipano ad un corso di perfezionamento spirituale, ed agli alunni del seminario San Giorgio a Francoforte sul Meno e Würzburg. Questa importante esperienza di “Chiesa di molti popoli” possa, qui presso la tomba e la cattedra di San Pietro, approfondire la vostra fede e la vostra vocazione e rafforzare il vostro amore a Cristo e alla sua Chiesa. Vi accompagni la mia Benedizione Apostolica e Cristo vi rafforzi e vi mantenga nella grazia della vostra vocazione sacerdotale.

A due gruppi di messicani

UN SALUDO CORDIAL para la peregrinación mexicana, organizada por el programa radiofónico “ Caminos de la luz ”.

Queridos hermanos y hermanas: Os agradezco de veras esta visita que, al igual que otras de connacionales vuestros, me traen el eco fiel de unas jornadas intensas de gracia, vividas en tierras mexicanas. Quiero exhortaros hoy a que prosigais fomentando en vuestro interior los mismos sentimientos de Cristo Jesús, la luz verdadera que, viniendo al mundo, ha iluminado a todos los hombres y ha mostrado el camino que conduce a la vida, a la morada del Padre.  

Volviendo a vuestras familias, llevad a todos el saludo del Papa y una bendición especial.

DOY TAMBIÉN mi cordial bienvenida a los nuevos alumnos del Pontificio Colegio Mexicano.

Carísimos: Que vuestra estancia en Roma para completar vuestra formación sea siempre grata a los ojos del Señor. Tened siempre presente que habeis sido elegidos, como ministros suyos, para ser anunciadores y testigos fidedignos de la vida nueva en Cristo resucitado.

A vosotros y a vuestros formadores, una especial bendición.

Traduzione italiana del saluto in lingua spagnola:

Un saluto cordiale al pellegrinaggio messicano, organizzato dal programma radiofonico “Cammini di luce”. Cari fratelli e sorelle, vi ringrazio molto per questa visita che, come altre dei vostri connazionali, mi riportano il fedele ricordo di alcune giornate intense per grazia, vissute in Messico. Desidero esortarvi oggi perché continuiate a fomentare nella vostra interiorità gli stessi sentimenti di Cristo Gesù (cf.Fil 2,5ss.), la luce vera che venendo al mondo, ha illuminato tutti gli uomini (cf.Gv 1,9) e ha dimostrato il cammino che conduce alla vita, alla dimora del Padre (cf.Gv 14,1-6). Tornando alle vostre famiglie, recate a tutti il saluto del Papa ed una Benedizione Apostolica speciale.

Do anche il mio cordiale benvenuto ai nuovi alunni del Pontificio Collegio Messicano. Carissimi: che la vostra permanenza a Roma per completare la vostra formazione, sia sempre gradita agli occhi del Signore. Tenete sempre presente che siete stati scelti, come suoi ministri, per essere annunciatori e testimoni degni di fede, della vita nuova in Cristo resuscitato. A voi ed ai vostri maestri, una speciale benedizione.

* * *

A vari gruppi

Un saluto, come di consueto cordiale, va questa sera a due pellegrinaggi di malati, accompagnati dall’Associazione UNITALSI delle Marche e dall’Associazione Genitori di handicappati del Molise. La vostra presenza mi ricorda in modo particolare la mia recente visita a Loreto, dove tra le intenzioni primarie della mia preghiera ho inserito le necessità spirituali e fisiche di voi sofferenti. Benedico con voi tutti coloro che con tanto amore vi curano, vi assistono, vi confortano.

Vada ora un saluto particolare ai membri del Capitolo Generale dei Cooperatori parrocchiali di Cristo Re. Sappiate, figli carissimi, che il Papa apprezza il contributo che voi recate alla vita ed alle attività della parrocchia, “cellula della diocesi”, come ha ricordato il Concilio, il quale ha anche sottolineato che “essa offre un luminoso esempio di apostolato “comunitario”, fondendo insieme tutte le differenze umane che vi si trovano e inserendole nell’universalità della Chiesa” (cf. Apostolicam Actuositatem, 10). Con la mia paterna Benedizione Apostolica.

Sono lieto di porgere ora un cordiale benvenuto ai due gruppi di pellegrini, provenienti da due antiche Chiese locali, le diocesi di Padova e di Aosta. Carissimi figli, la vostra presenza attesta la vitalità della vostra fede e del vostro impegno cristiano. Auspico che questo incontro romano, al centro della cristianità, segni una ulteriore tappa nel vostro cammino di fede, segnato dall’amore al Cristo, dalla fedeltà alla Chiesa e dalla carità verso i fratelli. Ritornando a casa, portate nelle vostre famiglie e nel vostro lavoro la forza dei buoni propositi attinti sul Sepolcro di Pietro e dalla viva voce del suo Successore, che ora vi parla. A voi la mia Benedizione.

Ai giovani

Cari ragazzi e ragazze! Giunga particolarmente cordiale e sentito il mio saluto a voi, che vi affacciate alla vita, che siete pieni di vita, che attendete tutto dalla vita! Voi in modo speciale siete presenti nel mio affetto e nella mia preghiera, e io vi esorto a mantenervi sempre uniti a Gesù! Nessuno può cancellare la presenza di Gesù dalla storia degli uomini! Fate in modo che egli sia sempre presente anche nella vostra vita di ogni giorno con la sua grazia, con la sua luce, con la sua consolazione. Per questo di gran cuore vi do la mia Benedizione.

Ai malati

Carissimi ammalati! A voi che soffrite con tanta pazienza e rassegnazione, porgo il mio saluto riverente e affettuoso nel Signore. Tutti dobbiamo confortarci per la presenza di Cristo nella storia e nella vita degli uomini; ma specialmente per voi, sofferenti, ai quali tante volte mancano le consolazioni terrene. Gesù, il Verbo Incarnato, che ha voluto patire e morire in croce, piagato, dissanguato, assetato, tormentato da chiodi e da spine, è sempre vicino ai vostri dolori, raccoglie le vostre lacrime, ascolta i vostri gemiti, e vi assicura che nessuna sofferenza va perduta, se è unita al suo amore e alla sua opera redentrice. La continua presenza di Cristo in voi e con voi vi dia consolazione e serenità, mentre vi accompagna la mia Benedizione.

Agli sposi novelli

Carissimi sposi novelli! Anche per voi riservo il mio saluto speciale, unito alle felicitazioni e agli auguri per la vostra nuova vita! È logico che ai novelli sposi si porgano auguri di gioia imperitura, nell’amore reciproco e nel raggiungimento dei comuni ideali proposti. Ma il segreto della vostra consolazione sta nella presenza di Cristo che vi ha uniti in matrimonio con la sua grazia divina. Rimanete uniti in Cristo: ecco il mio augurio! La presenza di Gesù nella vostra casa, nel vostro amore, nelle vostre scelte sia sempre la luce che vi illumina e la consolazione che vi allieta. Con la mia Benedizione e la mia costante benevolenza.

Un accorato appello per la liberazione dei giovani torinesi Giorgio e Maria Casana, che da circa un mese sono nelle mani dei loro rapitori, viene lanciato dal Santo Padre al termine dell’udienza generale. Queste le parole del Papa.

Desidero ora farmi interprete, ancora una volta, del dolore di una famiglia, colpita nei suoi affetti più cari dalla dilagante piaga dei sequestri di persona. Si tratta della famiglia Casana di Torino, alla quale sono stati rapiti, or fa quasi un mese, i due ragazzi Giorgio e Marina, rispettivamente di 14 e 15 anni.

Come esprimere lo sbigottimento e l’esecrazione di fronte a questo ennesimo atto di violenza, che si rivolge, con fredda determinazione, contro chi, per la giovane età, è più fragile ed inerme? Non sarà restata nell’animo dei rapitori una scintilla di umanità che li disponga ad accogliere questo mio appello alla comprensione dell’ansia che attanaglia il cuore dei genitori? Non mi rassegno a pensarlo e invito, pertanto, tutti voi ad unirvi alla mia preghiera, per ottenere dal Signore che muova a pietà i responsabili e li induca a restituire quanto prima i due ragazzi, sani e salvi, all’affetto dei loro familiari.