Bookmark and Share

Man's awareness of being a person

Catechesis by Pope John Paul II on the Theology of the Body - 6
 General Audience, Wednesday 24 October 1979 - in French, Italian, Portuguese & Spanish

"1. In the preceding talk we began to analyze the meaning of man's original solitude. The Yahwist text gave us the starting point, in particular by the following words: "It is not good that the man should be alone; I will make him a helper fit for him" (Gn 2:18). The analysis of the relative passages in the second chapter of Genesis has already brought us to surprising conclusions which concern the anthropology, that is, the fundamental science about man, contained in this book. In relatively few sentences, the ancient text portrays man as a person with the subjectivity that characterizes him.

God-Yahweh gave this first man, so formed, the order that concerned all the trees that grew in the garden of Eden, especially the tree of the knowledge of good and evil. This adds to the features of the man, described above, the moment of choice and self-determination, that is, of free will. In this way, the image of man, as a person endowed with a subjectivity of his own, appears before us, completed in his first outline.

The concept of original solitude includes both self-consciousness and self-determination. The fact that man is "alone" conceals within it this ontological structure and at the same time indicates true comprehension. Without that, we cannot understand correctly the subsequent words, which constitute the prelude to the creation of the first woman: "I will make a helper." But above all, without that deep significance of man's original solitude, it is not possible to understand and interpret correctly the whole situation of man, created in the image of God, which is the situation of the first, or rather original, covenant with God.

2. The narrative in the first chapter says that this man was created in the image of God. In the second narrative he is manifested as a subject of the covenant, that is, a subject constituted as a person, constituted in the dimension of "partner of the Absolute." He must consciously discern and choose between good and evil, between life and death. The words of the first order of God-Yahweh (Gn 2:16-17) speak directly of the submission and dependence of man the creature on his Creator. They indirectly reveal precisely this level of humanity as subject of the covenant and "partner of the Absolute." Man is "alone." That means that he, through his own humanity, through what he is, is constituted at the same time in a unique, exclusive and unrepeatable relationship with God himself. On its part, the anthropological definition contained in the Yahwist text approaches what is expressed in the theological definition of man, which we find in the first narrative of creation: "Let us make man in our image, after our likeness" (Gn 1:26).

3. Man, thus formed, belongs to the visible world; he is a body among bodies. Taking up again and, in a way, reconstructing the meaning of original solitude, we apply it to man in his totality. His body, through which he participates in the visible created world, makes him at the same time conscious of being "alone." Otherwise, he would not have been able to arrive at that conviction which he reached (cf. Gn 2:20), if his body had not helped him to understand it, making the matter evident. Consciousness of solitude might have been shattered precisely because of his body itself. The man, 'adam, might have reached the conclusion, on the basis of the experience of his own body, that he was substantially similar to other living beings (animalia). On the contrary, as we read, he did not arrive at this conclusion; he reached the conviction that he was "alone." The Yahwist text never speaks directly of the body. Even when it says that "The Lord God formed man of dust from the ground," it speaks of man and not of his body. Nevertheless, the narrative taken as a whole offers us a sufficient basis to perceive this man, created in the visible world, precisely as a body among bodies.

The analysis of the Yahwist text also enables us to link man's original solitude with consciousness of the body. Through it, man is distinguished from all the animalia and is separated from them, and also through it he is a person. It can be affirmed with certainty that man, thus formed, has at the same time consciousness and awareness of the meaning of his own body, on the basis of the experience of original solitude.

4. All this can be considered as an implication of the second narrative of the creation of man, and the analysis of the text enables us to develop it amply.

At the beginning of the Yahwist text, even before it speaks of the creation of man from the "dust of the ground," we read that "there was no one to till the land or to make channels of water spring out of the earth to irrigate the whole land" (Gn 2:5-6). We rightly associate this passage with the one in the first narrative, in which God's command is expressed: "Fill the earth and subdue it, and have dominion..." (Gn 1:28). The second narrative alludes specifically to the work that man carries out to till the earth. The first fundamental means to dominate the earth lies in man himself. Man can dominate the earth because he alone—and no other of the living beings—is capable of "tilling it" and transforming it according to his own needs. ("He made channels of water spring out of the earth to irrigate the whole land.") This first outline of a specifically human activity seems to belong to the definition of man, as it emerges from the analysis of the Yahwist text. Consequently, it can be affirmed that this outline is intrinsic to the meaning of the original solitude and belongs to that dimension of solitude through which man, from the beginning, is in the visible world as a body among bodies and discovers the meaning of his own corporality.

We will return to this subject in the next meditation."




Greetings:

Ai Superiori della "Société des Missions Etrangères de Paris"

JE TIENS À SALUER spécialement le Supérieur général et les Supérieurs régionaux de la Société des Missions Etrangères de Paris. Nous venons de célébrer la Journée missionnaire: vous êtes, chers amis, la vivante illustration de l’apostolat missionnaire. Combien de vos confrères ont abandonné leur pays natal pour consacrer toute leur vie, et parfois jusqu’au martyre, à apporter l’Evangile et à planter l’Eglise dans les pays de l’Asie, surtout de l’Extrême Orient, et maintenant en d’autres continents. Grâce à des Instituts tels que le vôtre, des Pasteurs autochtones ont pu surgir et prendre en mains la responsabilité de leurs communautés. Mais gardons-nous d’oublier que beaucoup ont toujours besoin d’une aide fraternelle et que l’ardeur missionnaire de l’Eglise ne doit pas diminuer, même si, hélas, des champs d’apostolat lui sont actuellement fermés. Vae enim mihi est, si non evangelizavero! Contribuez à entretenir cet esprit, et continuez à servir là où on vous appelle. Je bénis de grand cœur tous vos missionnaires.

Traduzione italiana:

Desidero particolarmente salutare il Superiore Generale e i Superiori regionali della Société des Missions Etrangères de Paris. Abbiamo da poco celebrato la Giornata missionaria: voi siete, cari amici, l’immagine vivente dell’apostolato missionario. Molti vostri confratelli hanno abbandonato il loro Paese nativo e consacrato tutta la loro vita, a volte fino al martirio, per portare il Vangelo ed impiantare la Chiesa nei Paesi dell’Asia soprattutto dell’Estremo Oriente, e oggi anche in altri continenti. Grazie a Istituzioni come la vostra, Pastori autoctoni hanno avuto la possibilità di sorgere e di assumersi la responsabilità delle loro comunità.

Ma non dimentichiamoci che hanno sempre molto bisogno di aiuto fraterno e che l’ardore missionario della Chiesa non deve diminuire, anche se, ahimè, alcuni campi di apostolato attualmente le sono chiusi. "Vae enim mihi est, si non evangelizavero!" (1Cor 9,16). Contribuite a mantenere questo spirito, e continuate a servire là dove siete chiamati. Benedico di cuore tutti i vostri missionari. 

Agli organizzatori della " Staffetta internazionale " per il disarmo

JE SALUE AUSSI les organisateurs de l’" Initiative de l’Estafette internationale ". Vous avez trouvé là un moyen de sensibiliser des populations de l’Europe à la nécessité d’écarter la menace des armements de destruction massive, et vous êtes prêts à porter devant les représentants des peuples les messages qui en résultent. Votre contribution porte un témoignage supplémentaire des hommes de bonne volonté. Qui ne souscrirait au cri d’alarme qui s’élève de toute part à ce sujet? Bienheureux les artisans de paix!

Traduzione italiana:

Saluto anche gli organizzatori dell’"Iniziativa della staffetta internazionale". Avete qui trovato un mezzo per sensibilizzare le popolazioni europee verso la necessità di allontanare la minaccia degli armamenti di distruzione massiva, e siete pronti a portare davanti ai rappresentanti dei popoli i messaggi che ne sono la conseguenza. Il vostro contributo è un’ulteriore testimonianza degli uomini di buona volontà. Chi non sottoscriverebbe il grido d’allarme che si leva da ogni dove a questo proposito? Beati gli operatori di pace!

A un gruppo di ammalati provenienti dall’Inghilterra

A SPECIAL GREETING to a group from England: the sick and handicapped pilgrims who have come to Rome with he Across Trust. I am very pleased that you have been able to be present today, and I will pray for you and your dear ones at home. I commend you all to the protection of our Blessed Mother Mary.

Traduzione italiana:

Un saluto particolare a un gruppo proveniente dall’Inghilterra: pellegrini ammalati e handicappati che sono venuti a Roma con l’Across Trust. Sono veramente felice che voi abbiate potuto essere presenti oggi, e pregherò per voi e per i vostri cari rimasti a casa. Raccomando tutti voi alla protezione della nostra Santissima Madre Maria.

A due gruppi di pellegrini

EINEN BESONDEREN Willkommensgruß richte ich an den großen Pilgerzug der Diözese Limburg. Durch eure Wallfahrt zu den Gräbern der Apostel bekräftigt ihr in feierlicher Weise euren Glauben an Christus und eure Zugehörigkeit zu seiner heiligen Kirche. Wie Christus seine Apostel als Glaubensboten ausgesandt hat, so seid auch ihr aufgerufen, seine Zeugen zu sein: in der Familie, am Arbeitsplatz, in euren Gemeinden. Kehrt in eure Heimat zurück mit der Gewißheit, daß Christus, der euch heute sendet, stets an eurer Seite bleibt, euch stärkt und beschützt. Haltet auch ihr ihm unverbrüchlich die Treue!

Traduzione italiana:

Rivolgo un particolare saluto al grosso pellegrinaggio della diocesi di Limburg. Attraverso il vostro pellegrinaggio alle tombe degli Apostoli voi rafforzate in modo gioioso la vostra fede in Cristo e la vostra appartenenza alla sua chiesa. Come Cristo ha inviato i suoi apostoli come messaggeri di fede, così anche voi siete chiamati ad essere suoi testimoni, in famiglia, nei luoghi di lavoro, nelle vostre comunità. Ritornate al vostro Paese con la certezza che Cristo, che oggi chiama voi, vi rimane accanto, vi rafforza e vi protegge. La vostra fedeltà sia incrollabile!

* * *

AUS DEN NIEDERLANDEN begrüße ich sodann mit besonderer Freude die Pilgergruppe des Katholischen Arbeitgeberverbandes für Elektroberufe. Eure Tätigkeit vermittelt vielen Menschen Licht und Wärme. Seid im Geist christlicher Verantwortung und Solidarität darum bemüht, diese auch stets unter euren Angestellten und Mitarbeiter zu verbreiten. Möge diese Begegnung mit den denkwürdigen Orten der Stadt Rom und mit dem Obersten Hirten der Kirche euer Leben und Handeln als Christen mit Gottes Gnade erleuchten und euren Glauben festigen.

Bij het vijftigjarig bestaan van Uw Bond richt ik mijn hartelijke gelukwensen tot U in Uw moedertaal en begeleid Uw werk met mijn bijzondere Zegen.

Dazu erteile ich euch und allen anwesenden Pilgern von Herzen den Apostolischen Segen.

Traduzione italiana:

Saluto con gioia particolare il gruppo dell’associazione degli imprenditori cattolici per lavori legati all’ambito dell’elettricità. La vostra attività trasmette a molti luce e calore. Siate preoccupati a diffondere ciò, in spirito di responsabilità e solidarietà cristiana, anche ai vostri impiegati e collaboratori. Questo incontro con i memorabili luoghi della città di Roma e con i più alti pastori della Chiesa, voglia illuminare la vostra vita e il vostro lavoro come cristiani, con la grazia di Dio, e rafforzare la vostra fede. Per questo imparto di cuore a voi a tutti i pellegrini presenti la Benedizione Apostolica.

Ai Superiori e agli Alunni del Pio Collegio Latino Americano

VAYA AHORA MI PALABRA de saludo a los Superiores y Alumnos del Pontificio Colegio Pío Latino Americano, presentes en esta Audiencia y presididos por los miembros de la Comisión Episcopal nombrada por la Santa Sede, que hace su visita ordinaria.

Siento gran alegría al recibiros hoy, queridos Hermanos e hijos, que formáis la actual familia de una Institución que cuenta ya 120 años de historia.

Aprovechad bien vuestra permanencia en Roma para formaros sólidamente en las ciencias sagradas y humanas. Llenad vuestros espíritus de un profundo sentido sobrenatural acerca del valor de vuestra vida consagrada al servicio de las almas. Así pondréis fundamentos firmes para vuestro futuro ministerio.

Doy mi más entrañable palabra de aliento a vosotros Obispos, que representáis ante el Colegio a todo el Episcopado Latinoamericano, para que atendáis con particular esmero y diligencia esta importante y delicada tarea.

Os aseguro, finalmente, que pido al Señor por toda la gran familia del Colegio y le doy con afecto mi especial Bendición.

Agli Assistenti parrocchiali dell’Azione Cattolica Italiana

Saluto di cuore il gruppo degli Assistenti parrocchiali dell’Azione Cattolica Italiana, riuniti in questi giorni a Roma per un convegno incentrato sul tema: "L’itinerario di spiritualità dell’adulto oggi". L’argomento è certamente molto importante, ed io cordialmente vi incoraggio a studiarlo come si conviene, auspicando sinceramente che il Signore vi aiuti nel vostro prezioso ministero, affinché, come dice San Paolo, siate "potentemente rafforzati dallo Spirito nell’uomo interiore" (Ef 3,16). E vi sia di approvazione e di stimolo la mia Benedizione Apostolica.

Ai numerosi alunni dei distretti scolastici di Chiusi-Pienza e Montepulciano

Sono presenti all’udienza oltre duemila ragazzi e bambine dei Distretti scolastici di Chiusi-Pienza e Montepulciano, insieme al loro Vescovo, Monsignor Alberto Giglioli, e a numerosi loro genitori. Siete veramente tanti, e, certamente, tutti felici di essere venuti a Roma e dal Papa, accompagnati da coloro che vi vogliono bene. Voi avete preso veramente sul serio l’"Anno del Fanciullo", vi siete impegnati in tanti modi per aiutare i bambini sofferenti ed avete voluto concludere qui con me le vostre iniziative. Ringrazio di cuore voi ed i vostri superiori e genitori per queste attività così benemerite, e vi esorto, cari ragazzi e bambine, a mantenervi sempre così, buoni, generosi, sinceri, studiosi, per la consolazione dei genitori e degli insegnanti, per il bene della società, per l’edificazione spirituale delle diocesi da cui provenite, e per la vostra stessa intima gioia di autentici amici di Gesù! Vi accompagni sempre il mio affetto con la mia particolare Benedizione.

Alle ex-Alunne dell’Istituto del Sacro Cuore

Un’affettuosa parola di saluto, di incoraggiamento e di augurio rivolgo al numeroso gruppo delle ex Alunne dell’Istituto del Sacro Cuore, le quali si trovano a Roma per un congresso sul tema: "La preghiera". Desidero dirvi, sorelle carissime, tutto il mio plauso per codesta vostra iniziativa spirituale, e – secondo il desiderio da voi stesse manifestato – vi lascio a ricordo di questo nostro incontro, un brevissimo pensiero di Sant’Agostino sulla preghiera: "Qui vult audiri a Deo, prius audiat Deum" ("Chi vuole essere ascoltato da Dio, ascolti prima Dio") (S. Agostino, Serm. XVII, 4): Sì! Ascoltate docilmente Dio che parla nella Sacra Scrittura; che ci guida attraverso l’insegnamento e le direttive della Chiesa e dei suoi Pastori; ascoltate Dio, che si fa sentire nel silenzio misterioso della vostra coscienza, rettamente illuminata. A voi tutte e ai vostri cari la mia Benedizione Apostolica.

Ai partecipanti all’Assemblea straordinaria della categoria degli ascensoristi

Un saluto speciale vada anche al foltissimo gruppo degli ascensoristi, che partecipano in questi giorni a Roma all’Assemblea straordinaria della loro benemerita categoria. Chiedo al Signore per voi la grazia della fedeltà e della perseveranza nel vostro impegno umano e cristiano, affinché i buoni propositi ispirati da questo incontro con l’umile Successore di Pietro lascino un solco profondo nella vostra vita, a edificazione delle vostre famiglie e di quanti incontrerete nell’ambito del vostro lavoro. A tutti voi la mia Benedizione.

Al pellegrinaggio di Fidenza

Un cordiale saluto rivolgo al numeroso pellegrinaggio della diocesi di Fidenza, guidato dal Vescovo Monsignor Zanchin, ed esprimo a tutti i partecipanti la mia sincera soddisfazione per questo incontro, che assume il significato di una fervida attestazione di fede in Cristo e di filiale affetto verso il successore di Pietro. Non posso che ripetervi, carissimi fratelli e sorelle, il mio più forte incoraggiamento per quanto fate di buono, di caritatevole e di esemplare; vi auguro che l’impegno di testimonianza cristiana sia continuo e sempre maggiore, e sia sempre fonte di vera letizia e di pace operosa.

Ai Superiori e agli Alunni del Pio Collegio Latino Americano

Vada ora il mio saluto ai Superiori ed Alunni del Pontificio Pio Collegio Latino Americano, presenti a questa udienza e accompagnati dai membri della Commissione Episcopale nominata dalla Santa Sede, che compie la sua visita ordinaria. Provo una grande gioia ricevendovi oggi, cari Fratelli e figli, che formate l’attuale famiglia di una Istituzione che conta già 120 anni di storia. Approfittate della vostra permanenza a Roma per formarvi solidamente nelle scienze sacre ed umane. Colmate i vostri spiriti di un profondo senso soprannaturale riguardo al valore della vostra vita consacrata al servizio delle anime. Porrete così le basi per il vostro futuro ministero.

Dirigo le mie più cordiali parole di incoraggiamento a voi Vescovi, che rappresentate davanti al Collegio tutto l’Episcopato latinoamericano, affinché seguiate con cure particolari e diligenza questo importante e delicato incarico. Per concludere chiedo al Signore per tutta la grande famiglia del Collegio, e le do con affetto la mia speciale Benedizione.

Ai giovani

Vogliamo rivolgere ora una parola a voi, giovani, gioia e primavera di questa adunanza. Non è un’immagine logora che usiamo; perché voi, come la primavera, sentite davvero in voi il tumulto della vita, e la gioia di viverla. Ebbene, fate posto, nel dispiegarsi dell’attività di ogni giorno, all’autore delle cose, alla fonte di ogni dono, alla luce di ogni intelletto: a Gesù.

Ai malati

Dinanzi a Dio, Essere degli esseri, siamo tutti dei poveri ammalati, bisognosi della sua paterna misericordia. Ma voi, per suo inscrutabile disegno, partecipate più da vicino a questa misteriosa sorte. E siete più cari a Cristo che, pur essendo Figlio di Dio, provò il dolore: non della malattia, ma della passione e della morte. Che Dio vi assista, vi aiuti e vi consoli con la sua fede certissima che il vostro dolore è fecondo per la Chiesa, e sarà mutato nella gioia più pura, oggi e nell’eternità.

Agli sposi

Agli sposi, oltre che augurare ogni bene da Colui che ha istituito il Matrimonio, vorremmo ricordare le parole dell’Apostolo San Paolo agli Efesini (Ef 5,22ss.), il quale paragona lo sposo a Cristo e la sposa alla Chiesa. E come Cristo è morto per la Chiesa, e questa non ha altro desiderio che di piacergli e di servirlo, così dovete fare anche voi. Il pensiero della vostra scambievole dignità sarà fonte di profondo rispetto, di saldezza, di amore e di ogni dolce consolazione.